MANCANO

ALLA PENSIONE PRIVILEGIATA DEI PARLAMENTARI

Mille reati ambientali contestati in otto mesi

Il . Inserito in Ambiente & Energia


Sono quasi mille i reati ambientali contestati in otto mesi, dall'approvazione della legge sugli ecoreati in Parlamento. E in 118 casi è stato contestato il nuovo delitto di inquinamento, in 30 la nuova fattispecie di disastro ambientale.

Un bilancio tutto positivo, per la legge che porta anche la firma del M5S grazie a Salvatore Micillo.

Contro i reati ambientali ci sono ancora altre cose da fare: «Per rendere ora più efficace l''impalcatura - ha detto il direttore generale di Legambiente Stefano Ciafani presentando il rapporto questa mattina alla Camera - è ora fondamentale attivare una grande opera di formazione per tutti gli attori della repressione dei reati ambientali, a partire dai magistrati e delle forze dell'ordine, procedere rapidamente alla costituzione di una grande polizia ambientale (soprattutto dopo lo smantellamento del Corpo Forestale, ndr) e approvare una norma per snellire le procedure per abbattere le costruzioni abusive».

Presenti al convegno anche Luigi Di Maio, Paola Nugnes e Vilma Moronese, oltre a Salvatore Micillo.

«La presidente della commissione giustizia sbagliando l' ha definita "una legge di inziativa popolare...", e si è corretta, ma a mio parere - ha detto Paola Nugnes - ha detto giusto...questa legge di inziativa parlamentare è stata talmente spinta e sostenuta dalla volontà del popolo sovrano da meritarsi questa qualifica«.

«Finalmente la legge inizia a dare i suoi frutti - dice Salvatore Micillo - ed è la migliore risposta a chi l'ha criticata anche osteggiandone l'approvazione, appena un anno fa. Ma abbiamo atteso troppo: 21 anni. Chissà quale territorio avremmo avuto oggi, visto che dopo 8 mesi abbiamo avuto questi risultati».

«Rispetto a tutti i problemi legati all'ambiente che abbiamo ben presente e che stiamo oggi trattando, quindi sia a quelli legati ai delitti ambientali, alle bonifiche, ai grandi disastri ambientali che sono li ancora oggi e da cittadina Campana ne ho piena contezza, ma anche rispetto al consumo del suolo, l'abusivismo edilizio, le agromafie, l'impoverimento della fertilità dei terreni agricoli, penso che stiamo facendo ancora molto poco», ha detto Vilma Moronese. ( Fonte )

#Ecoreati, la stretta finale - conferenza stampa M5S - 18/05/2015

Tags: Politica Giustizia Ambiente MoVimento 5 Stelle